vota anche tu con un semplice click del mouse il tuo personaggio preferito degli

AMICI DI BELPOGGIO



il più votato riceverà in premio un check-up completo dai dottori super e pipetta, specialisti in rettoscopie e clisterismi

il secondo classificato una copia autografata dal suo coniglio del volume "Karen nel paese delle meraviglie"

il terzo classificato riceverà il fondino del Jamaican Rum del Discount che ho lasciato apposta per il concorso

..stay tuned for more..


Venezia è un appuntamento fisso per il sabato di carnevale. sono anni che il richiamo cirrotico mi porta a solcare calli e ponti senza una meta (se non quella di ubriacarsi marzi), e quest'anno non sono stato da meno. Contorno di incessante e battente pioggia invernale dalle 16.50, cioè dall'arrivo del treno alla stazione, in poi. costume tenuto segretamente custodito fino al debutto serale. operazione principale: procurare abbeveraggio.

1.5l cabernet + 1.5l refosco + 1.5l raboso + 1.5l rosato = razza piave.

e per confermare l'utilità delle suddette scelte vinicole, è da sottolineare come un tale di nome GuitarBo, in pieno delirio chitarristico-alcolico, decise di spacciarsi per italo-americano residente ad Austin (Texas) e, così facendo, di conquistare il cuore di una splendida tavolata di ragazze russe al quinto gin tonic. a fine serata, questo povero individuo, dopo aver abilmente dribblato - le ho detto che era homosexual - le avances di tale Tatiana (una bolscevica dal peso approssimativo di uno storione del Volga.. circa 430 Kg), dopo aver invano cercato di incrociare lo sguardo con la bella e bionda Olga, dopo infine esser riuscito a coinvolgere l'ingenua Liudmilla ed essersela sopportata per il resto della serata.. le rivolgeva le seguenti parole: "Ehi girl.. io no sono ammericano.. you know.. mi son italian diobestia, vaincueo.. e dess àsseme star!!"


Seduti uno di fronte all'altro. A dividerci soltanto una cattedra.

Sicuramente lui aveva un fondamentale vantaggio: era il professore.

Sicuramente io avevo due fondamentali svantaggi: ero il laureando e avevo il suo cane (un bavoso e rumoroso boxer) sulle ginocchia che mi graffiava le cosce con le zampe ungulate e mi sbavava in viso con estrema dedizione.

"..ehm, volevo chiederle - arff arf iouh gll uoou arf nihh - se è il caso di inserire nel capitoletto su Cuba che ho fatto - arrrrff nihh uàà - anche la questione berlinese e i suoi risvolti nei - arf bAu ghli - caraibi.."

"Giù TOBIA. Giù Cristo. Ma porca puttana. GIU'"

"ehm.. - arff gluod nihj mm bau - molto affettuoso il suo cane..."


E' lo sport più faticoso del mondo. Assieme allo sci di fondo. E' lo sport più faticoso del mondo ed è lo sport dove l'uomo è soltanto uomo. Il ciclismo è soprattutto lo sport dove l'uomo è solo. Senza scuse, senza aiuti, senza mezzi termini: solo. Macinare chilometri su una sella. In piano, discesa, salita. Non ha importanza. Tanto devi arrivare.

Prima o poi.

E non interessa a nessuno se arrivi piangendo perchè non ce la fai, e non interessa a nessuno se cadi, perché devi risalirci su quella sella se vuoi arrivare a destinazione.

Sono sempre stato un suo tifoso. Sono sempre stato un suo tifoso e anche durante gli anni buii sentivo un brivido di emozione a vederlo rialzare la testa e alzarsi sui pedali, anche se per pochi chilometri.. lo sentivo urlare di fatica. Delicato e potente. Ostinato e sfortunato. Cadeva e si rialzava. Sempre.

E' lo sport dove l'uomo è soltanto uomo, e l'uomo è fragile.

Oggi è caduto di nuovo.


Ieri, giorno del Signore crocifisso 11 febbraio anno del Cristo in Croce 2004. Si è laureato quel (si può dire uno.. pillicuso?? tipo uno un po' appricuso??) ecco.. allora quel pillicuso di Lusco. Per molti questo non significa una minchia. Ma non me ne fotte. Perchè assistere alla laurea del compagno di banco di 5 anni liceali è un chiaro sintomo che qualcosa sta cambiando. Veder diventare Dott. in Psicologia lo stesso disgraziato che arrivava in classe con lo zaino sbregato tenuto attaccato da una spilla dei G'n'R, rigorosamente con 15 mins di ritardo ogni giorno perchè il CIAO era freddo (fosse primavera o inverno ciò non ha importanza), fa un certo effetto.
Veder uscire coronato d'alloro lo stesso minchione che, dopo aver urlato in un pontile della spiaggia in preda a delirio da alcol: "sono il re del mondo" e successivamente essersi stonfato d'acqua gelida causa improvviso TSUNAMI jesolano , m'ha sboccato dentro la macchina litri e litri di vomito.. fa un certo effetto.

che i tempi stanno cambiando lo si era capito vedendo nuotare quel (si può dire uno.. pillicuso?? tipo uno un po' appricuso??) ecco.. allora quell'appricuso di MICHAEL PHELPS. Uno così rappresenta la rapidità con la quale stanno cambiando le cose. Cristo Gesù, ma il detto -chi va piano va sano e lontano?- maledetto lui e maledetta l'operazione Mongoose.


Il tuo viso esiste fresco
mentre una sera scende dolce
sul porto.
Tu mi manchi molto,
ogni ora di più.
La tua assenza è un assedio
ma ti chiedo una tregua
prima dell'attacco finale
perchè un cuore giace inerte
rossastro sulla strada
e un gatto se lo mangia
tra gente indifferente
ma non sono io,
sono gli altri.
E così...

Vuoi stare vicina? nooo?
Ma vaffanculo. Ma vaffanculo.
Sono quarant'anni che ti voglio dire... ma vaffanculo.
Ma vaffanculo te e tutti i tuoi cari. Ma vaffanculo.

Ma come? Ma sono secoli che ti amo, cinquemila anni, e
tu mi dici di no? Ma vaffanculo. Sai che cosa ti dico? va-ffan-culo.
Te, gli intellettuali e i pirati. Vaffanculo. Vaffanculo .
Non ho altro da dirti. Sai che bel vaffanculo che ti porti nella tomba?
Perché io sono bello, sono bellissimo, e dove vai? Ma vaffanculo.
E non ridere, non conosci l'educazione, eh?
Portami una sedia, e vattene.





"...cazzo, avevo un esame alle sei di sera. son stata lì fin le sette quasi e il professore non è arrivato. Devo prendere il treno per tornare a Treviso alle nove. Poi domani mi sveglio e vado a lavorare. finisco alle quattro e alle cinque ho il dentista. Poi devo prendere il treno per tornare a Trieste in serata..



..e poi s'incazzano perchè la gente si droga"


Data particolare. Da oggi inizia il conto alla rovescia che mai avrei voluto fosse scandito. Solo 29 giorni in quel di Trieste e poi si torna a casa. Una regressione, c'è poco da dire. Un ritorno all'ovile che mi vedrà alienato sempre un po' di più. Alienamento da tesi. Ma sì dai, almeno mi tengo un po' occupato. Obiettivo centrato. E' quell' " un po' " che non mi da pace.

Un po'... quanto?
Un po'... come?
Un po'...di cosa?
Un po'...e poi??

Un po'...rcodio. Per il resto alla grande. Orso Grigio (cioè io) in pieno letargo dettato dalla sua condizione di mammifero che accumula scorte di lardume e lerciume per il grande freddo. Quest'ultimo arriva puntuale. L'unico (irrilevante) particolare è che Musile non è come il Canada. Anche perchè se lo fosse il mio vicino sarebbe a 47 miglia di distanza a lavarsi la macchina. invece no. invece il giorno di quello che ostina a farsi chiamare Dio (..t'ho messo anche la maiuscola, vecchio) e cioè la domenica, il vicino lava la macchina sotto la tana di Orso Grigio narcotizzato. Ma vaffanculo.

Uno di febbraio. data di rose rosse cum spine. di anni che passano. di pensieri che ritornano. intrecciarsi di eventi. meno per meno fa più. ma meno più meno fa ancora meno. e il cuore pompa il sangue. poca differenza tra il sangue e il ghiaccio, ormai. Cristo. Odio le Acquario.