Al quindicesimo incontro con il mio relatore, devo dire la verità, mi sentivo in un certo senso disteso. Avevo la percezione di essere entrato per un certo verso in confidenza con lui, di essere quasi quasi suo complice, o peggio ancora, suo collega. Poi, puntuale come la morte, alla fine del breve dialogo giunse l'immancabile domanda la cui sensibilità è paragonabile solo all'impatto di un incudine in picchiata dal terzo piano direttamente sulla testa: "Lei si chiama??....."


Di Cambiare. E' giunto il momento di modificare questa situazione che si trascina ormai stancamente da tanti, troppi anni. non mi dai più stimoli, non trovo più quel senso di soddisfazione che tanto facilmente mi davi, sono stanco, spossato, rottoicoglioni. e se cambiassi prospettiva? e se guardassi il mondo da un altro lato? da un lato indubbiamente più adulto? massì, dai vaffanculo anche l'Aperol.. da oggi Campari is the reason.. ..no martini?? si sprizzini!!


Crisi Parmalat. oggi a fine pasto mia madre si rivolse a me con la seguente domanda: "MATTIA.. cannoncino??". dopo doverosi 15 secondi si stupore sul mio volto le chiesi se aveva una sigaretta, ma lei non colse. fui altresì indirizzato verso una confezione di merendine della Parmalat a forma di cannoli con ripieno di crema dal, appunto, singolare nome di "cannoncini". morale della storia: 1) le sigarette devo procurarmele io 2) la Parmalat abbisogna di un restyling oltre che finanziario, anche d'immagine..




E.R.M. FAnclub.. detto anche il "Medici in Prima Linea Musile FUnclub" ha organizzato il seguente concorso: basandovi sulla foto, indovinate

a) quante malattie ha quest'uomo
b) quali sono queste malattie
c) dove le ha prese

ps. dal concorso è esclusa in partenza la cirrosi (troppo facile).

il vincitore riceverà un buon per un "VIOLENT SPRIZZINI TOUR" a carico dell'uomo ritratto nella foto. mitico NIELLO. stasera voglio il meglio.


Ebbene sì. l'ho sperimentato sulla mia pelle. da spettatore per carità, ma pur sempre testimone del fatto. Stamattina ho visto un tizio pagare il pedaggio autostradale con il cash del monopoli. E, cosa ancor più sorprendente, ho visto la casellante sorridergli gentilmente ed aprirgli la sbarra. Non so, adesso come adesso, quale sia il cambio Euro/Monopolo, ma le banconote erano quelle marroncine da 10.000. you remember??

poi ha suonato la sveglia delle nove.



"mi avete preso per un coglione!!" "ma no, per un eroe" "Aàh, m'avete preso per un coglioòone!" "ma no, per un eroe" "m'avete preso per un coglione, sotto la meno mi fa mele"

- vi faccio vedere come muore un italiano -

"mi avete preso per un eroe!" "ma no, per un coglione"


mamma mia. di ritorno da un party a rischio. rischioso sì, vista la presenza di LEI. niente a che vedere con Tekken III o affini. chi mi conosce lo sa chi è LEI. ne ero informato, e per prepararmi all'avvenimento ho deciso di inserire la modalità september10th. tre spilline tre al gusto di posthardcore triestino. come temevo, non fu sufficiente. come non sarebbe potuto esserlo nient'altro. tre anni sono passati. molto probabilmente anche se ne fossero passati 5 10 o 20, 30, 50 no, non sarebbe cambiato lo stato d'animo. in fin dei conti LEI è stata l'unico punteruolo che è riuscito a scalfire il mio cuore notoriamente di ghiaccio. come si fa ad esserne indifferenti?? non si fa. punto e basta. spero di rivederti presto, LEI.


"It’s only words And words are all I have To take your heart away"


Listening to.. Elvis Presley - Words


..E' finita dunque tra il 1989 e il 1991 la guerra fredda? Per un certo verso assolutamente no, perchè il suo periodo "classico" è stato il 1946-1953 e il suo periodo "movimentistico" si è concluso nel 1975-1976. Per un certo verso sì, perchè con la fine della politica dei blocchi e il crollo dell'URSS sono venute meno le ragioni stesse, geopolitiche e ideologiche, del presentarsi e ripresentarsi "carsico" (dopo il 1953) di fenomeni ed eventi certo connessi a una guerra che era tale in quanto non poteva diventare pace e che era fredda perchè non poteva risolversi, in ragione dell'equilibrio nucleare, in scontro diretto e definitivo tra i contendenti.

Non è sempre vero dunque che tertium non datur. La guerra fredda è stata proprio un tertium, prolungandosi nel tempo, tra la guerra e la pace. Ma per fortuna, dato il suo effetto stabilizzante, è stata assai più simile, almeno in Europa e in America, alla pace. Certo a una pace armata, armatissima. Ma quale pace, nella storia, è stata sino ad oggi disarmata? La "pace" forzata della guerra fredda è però stata a tal punto armata, e con armi così spaventose, da rendere il ricorso alla guerra calda diretta "realisticamente" improponibile o addirittura ipotizzabile, come nei racconti di fantascienza e di fantapolitica, solo come effetto di un "errore" o di un atto di follia, porcodio.



Curtis LeMay. Capo di Stato Maggiore dell'Areonautica Militare americana nel 1962. una personcina tranquilla e pacata. un tozzo di pane. un placido agnellino dormiente all'ombra di un albero d'ulivo popolato di tubanti colombe bianche. una figura esemplare nella difficile gestione di quelli che sono in realtà i rapporti umani. simbolo di fratellanza e comprensione. talmente equilibrato e coscienzioso che figure del calibro di Charles Manson, Pol Pot, il mitico Vo Nguyen Giap, Zeljko Raznjatovic (detto Arkan), i semidivini gemelli Luther e Johnny Htoo (dio, quanto li adoro) sembrano dei carmelitani scalzi impiegati a raccogliere erbe di campo per tisane tranquillanti.


Mentre stavo testando la qualità del suono del mio nuovo impianto stereo in casa mia, dei ragazzini quindicenni m'hanno suonato al campanello chiedendomi dove fosse il tagadà. ..violent sprizzini tour never dies..