Tutto sommato, grazie a Dio: il caldo. non potevo più permettermi di andare a lavoro alternando sempre le due stesse fottute felpe della crew [leggi Fruit of the Loom, nda]. Le combinazioni che ero arrivato a generare hanno più volte rischiato di rovinarmi la reputazione. "Maledetta Primavera", aveva detto giusto la Loretta. Oppure maledetto me e la mia scarsa propensione all'acquisto non targato Ebay. e chi ha voglia più di provarsele le robe? Quanta più soddisfazione da il non sapere se ciò che hai acquistato è della tua taglia? Quanta gioia nel tornare a casa alla sera e vedere sul tavolo della scrivania pacchi confezionati da mani lontane? Si, effettivamente non più di tanta. Felpa grigia, Felpa blu. Felpa blu scuro, Felpa grigio chiaro. Felpa chiara, Felpa scura. Però più di tanto non si riesce a camuffare. E' come un taglio di capelli, beato chi se lo può permettere.

Questa premessa non altera, se non di poco, il mio odio viscerale per il caldo e per tutto ciò che ne consegue [eccetto donne scosciate e scamiciate]. Effettivamente la altera, ma stasera va così, random potrei dire. L'oroscopo è chiaro in questi giorni: TORO, FATEVI DELLE DOMANDE CONCRETE SU COSA NE SARA' DI VOI. CHI SIETE, COSA VOLETE ESSERE? - Cribbio Dio, stelle.. se non lo sapete voi !!

E' meglio che parta a districare la matassa, dedicandomi a risolvere le questioni più semplici: domande del tipo "mi faccio crescere la barba?" [in estate? che coglione !, nda], "continuo a cercare la mia bici?" [Sì: resistere, resistere, resistere, nda], "inizio a cercarmi un altro lavoro? [dopo l'estate va là!, nda], "cambio sfondo al Blog?" [boh, fai scegliere a chi legge, nda]. E domani vedrò il cielo su Torino..


E' arrivato carico di tutti i suoi preziosi e con un sorriso veramente accattivante. Ci ha puntato come un suino punta un tartufo in un bosco e ha iniziato le trattative. Chi divideva con me il tavolo gli fece notare, agitando i polsi, di aver già fatto affari con lui. Mancavo solo io all'appuntamento. Così mi guarda, mi parla, mi fa le sue proposte. La scelta era la seguente: Amore, Fortuna, Libertà. A me la scelta. Un euro e avrei portato a casa l'Amore. Un euro ed avrei portato a casa la Fortuna. Un euro e mia sarebbe stata la Libertà.

Libertà tutta la vita.


Riot,
ogni volta che ti sento il mio cuore inizia a pulsare più forte, il sangue scorre più veloce, la mente si libera di quella pellicola di malditesta che la sta avvolgengo da giorni ormai. La schiena è tutta un pizzicorio, tutta un brivido. Le spalle tremano, la pelle brucia.

Ti amo e questo si sa..

...ma oggi mi sono proprio preso una bella scottatura andando a pescare :'(



Sabato, giorno del Signore 21 maggio 2005, ore 8.15.
Località: Fossà
Canale: Grassaga


I MEMORIAL "Nicola Rozzino"
gara di pesca anti-alloctona


Iscritti:
- Dario "Daba" Battistel
- Mattia "Mazi" Zanetti
- Nicola "Fogna" Rozzino

Scopo del gioco: vincere [cit. Bud]
Regolamento: ogni tipo di pesce possiede un determinato punteggio che dipende dal grado di alloctonicità della specie. non conta la quantità ma la qualità del pescato. vince chi fa più punti. ogni concorrente dispone di una canna fissa.

Tabella di riferimento:
Persico Reale: 50 pt
Carpa: 100 pt
Tinca: 150 pt
Pesce Gatto: 80 pt
Scardola: 5 pt
Triotto: 10 pt
Persico Sole: 15 pt
Pinco: -10 pt
Black Bass: 60 pt
Luccio: 200 pt
Seppiolina: 1.000.000 pt
Alborella: 1 pt
Pigo: 30 pt

Punteggi Finali:

primo classificato Mattia "Mazi" Zanetti [punteggio: 1]
bottino:
1 scardola [5 pt]
1 persico sole [15 pt]
2 pinchi [-20 pt]
1 alborella [1 pt]

secondo classificato Nicola "Fogna" Rozzino [punteggio: -30]
bottino:
3 pinchi [-30 pt]

terzo classificato Dario "Daba" Battistel [punteggio: -161]
bottino:
23 pinchi [-230 pt]
2 persici sole [30 pt]
1 triotto [10 pt]
4 scardole [20 pt]
9 alborelle [9 pt]



Saggio finale degli allievi di quella merda di cazzo in culo di sezione musicale di quelle stronze del cazzo di scuole medie del menga di Samba. Ho il collo come Mike Tyson talmente tanto è il mio maldigola, ho mangiato solo tramezzini e, come se non bastasse, dalle 19.50 alle 20.45 ho avuto al mio fianco dozzine di bocciazze con violini e clarinetti d'ordinanza, ognuno che suonava note differenti. praticamente una riproposizione audio delle finali di Coppa Intercontinentale giapponesi, con quello splendido GNHOOOOOOOOOH di sottofondo..
Ora, a spettacolo bello che iniziato, ci sono più regazzini in cesso che sul palco. Alcuni addirittura recidivi [nel senso che avranno varcato la soglia del bisogno circa 15 volte in un'ora..]. Che fare? chiamare super e pipetta e ipotizzare una consulenza medica sulla stenosi o sulla prostata? Sfondare la porta alla Commando e spegnergli tutte le sigarette? oppure entrare porgendogli un estintore dicendo: "se scoppia l'incendio, RANGEVE !!" ??


non posso non accettare la proposta del mio amore. quindi..

Volume totale dei file musicali sul mio PC: 11,1 GB

Ultimo CD comprato: The Will to Death - John Frusciante

Canzone che sta suonando ora: Running Away into You - John Frusciante

Cinque canzoni che ascolto spesso ultimamente [stando ad iTunes]:

1) Sailing Outdoors - John Frusciante

2) Gamble Everything for Love - Ben Lee

3) Imagined Life - Lou Barlow

4) Apply Some Pressure - Maximo Park

5) Banquet - Bloc Party

se ora dovessi scegliere, lo chiederei a Caia e Sbubba.


prendo tua madre, la stupro, la ammazzo e la taglio a pezzi. poi metà me la mangio davanti ai tuoi occhi e l'altra metà te la ficco su per il culo. e non far finta di niente, ce l'ho proprio con te.. con te che ieri sera mi hai fottuto la bicicletta in stazione del treno.


Quello che provoca ricevere una sorpresa inaspettata è sempre una delle sensazioni più piacevoli che abbia mai provato. Adoro le sorprese ed adoro chi le fa. cercerò di custodire questo gusto che in bocca il mio palato sfiora il maggior tempo possibile.



You know that I would love to see you next year,
I hope that I am still alive next year,
You magnify the way I feel about myself,
Before you came I never thought about myself.


Il perfezionismo che da sempre mi governa [tranne che nella chioma], ieri mi portò a suggerire al DJ di turno una canzone. Così feci, ignaro del trauma che mi stavo apprestando a subire..

Metiu: "ehi.."
DJ: "..."
Metiu: "se fossi in te metterei Welcome To The Jungle"

DJ: "di chi???"

io questa risposta la reputo un fatto grave.



Fare un comunicato stampa con pochi, pochissimi indizi è una sfida che non tutti sono in grado di accettare. io dovetti e il fancazzismo fece il resto. seduto su una sedia ortopedica svedese, una giornata fredda e bagnata come non si addice alla stagione mi portò a plasmare frasi come questa:

"...niente più violini tzigani ad accompagnare il sorseggio di caffè che hanno reso piazza San Marco più famigerata che famosa..."



promosso.
il pèla colpisce ancora.

EDIT: OGGI 17 MAGGIO LA FRASE INCRIMINATA E' APPARSA SULLA SECONDA PAGINA DEL GAZZETTINO. PROUD!



Caro Lettore,
aggiornamento lento dici tu. essia. lento e cioè inversamente proporzionale al mio tenore di vita attuale. dopo le tredici birre medie di sabato e le otto bottigliette di acqua frizzante di domenica [che mi causarono uno scompenso intestinale protrattosi per i successivi due giorni..], la settimana lavorativa non da tregua. dalle 7.20 alle 24.00. doppio lavoro del menga.

..e a proposito di doppio lavoro questa sera mi sto sgamando in diretta il concerto di beneficenza degli alunni della scuola media che pure io frequantai, ormai quasi 15 anni fa.

..e chi ti vedo tra gli ospiti? ma quale orrido faccione vedo spuntare tra la folla? quale reverenda personalità riconobbi in quei suoi occhi animaleschi?? sì, lei. La Cammella !!
la fetente bidella di quando io ero giovane, sempre splendida come me la ricordavo: alta e deforme.

donna tra le donne, l'unica che può permettersi di calzare delle sabot n° 52 senza la minima incertezza. ogni passo, una sentenza.


Domenica 1 Maggio 2005, ore 3.20, località Prosecco (TS)

"..signori, visto che il vostro amico che guidava adesso non può più, abbiamo bisogno di uno sobrio che riporti la macchina a casa. chi di voi se la sente?" il faccione del carabiniere era tutto proteso all'interno dell'abitacolo dell'auto. i quattro ancora seduti dentro non dissero una parola. Lui proteso, i quattro in silenzio. "allora, signori?". ovviamente silenzio.

poi un uomo di grande coraggio si rivolse all'autorità protesa, sempre più protesa: "mah, mah, bah, beh, nhon soh. beh, mah. pensoh che thutti siamo di gra-grado di guid.."

"stai zitto và, che balbetti e ti puzza l'alito" la sentenza.


morale: mai protendersi più di quanto le tue orecchie permettano di sentire.